TEMPESTE

L’ulivo, il vino, le pietre
Trilogia della rinascita dalle Metamorfosi di Ovidio 

I miti non sono mai accaduti, ma accadono sempre. Quanto più un mito è antico, tanto più è ricco di futuro perché in esso sono custodite possibilità che ancora aspettano di realizzarsi. Quando la realtà appare senza scopo e senza via, tutti diveniamo vittime. La vita è per sua natura esposta alla catastrofe che cerchiamo il più possibile di evitare, ma è solo dopo una profonda crisi che si rinasce davvero. In Tempeste, sono narrano tre antichi miti che, in modo diverso, parlano di catastrofi e rinascite. In ciascun mito, da una catastrofe rinasce la vita sotto una nuova forma. Il primo, legato all’origine dell’olivo, è il mito di fondazione di 
Atene e della democrazia. Qui la previsione della catastrofe costringe un popolo a compiere una scelta decisiva per il futuro. Grazie a quella scelta la comunità fonda se stessa. Il secondo mito è legato alla nascita del vino: questa volta si tratta di una catastrofe sentimentale e la scelta che s’impone nel presente, proprio mentre infuria la tempesta, trasformerà il dolore individuale in un bene comune. Nel terzo mito a rinascere è il genere umano e la scelta va compiuta a catastrofe avvenuta, in uno spazio vuoto, un deserto in cui tutto sembra ugualmente possibile e impossibile. 
In questi tre miti sono evocate relazioni inedite tra gli dei, le donne, gli uomini e gli animali, relazioni che ci invitano a ripensarci e immaginarci in modo nuovo, forse per prepararci a un mondo nuovo… 
Narrazione e polifonie s’intrecciano nel tessuto emotivo e spirituale delle storie e nel rapporto vivo e diretto con il pubblico.

Parco del Pineto, Roma 
foto di Carlo Romano

Parco del Pineto, Roma
foto di Carlo Romano

Parco del Pineto, Roma
foto di Carlo Romano

Castello di Coazzolo, Asti
foto di Maurizio Agostinetto

Castello di Coazzolo, Asti 
foto di Maurizio Agostinetto

Castello di Coazzolo, Asti
foto di Maurizio Agostinetto

Parco del Pineto, Roma
foto di Francecso Galli

Parco del Pineto, Roma
foto di Francesco Galli

Tempio di Ercole Curino, Sulmona (AQ)
foto di......

Scheda tecnica


Foto


< Indietro


Scritto e narrato da Sista Bramini 
Polifonie della tradizione mediterranea e orientale
interpretate da Camilla Dell’Agnola e Valentina Turrini