Laboratorio residenziale di approfondimento del TeatroNatura
24 - 30 settembre 2019 - Centeno (VT)

condotto da Sista Bramini e Camilla Dell’Agnola con l’assistenza di Veronica Pavani e Valentina Turrini

Il laboratorio Genius Loci approfondisce l’aspetto percettivo nelle 5 pratiche principali del TeatroNatura ed è particolarmente indicato per artisti, insegnanti, formatori, per chi si occupa del patrimonio naturalistico e archeologico, per operatori nel campo della salute, e per tutti coloro che intendono approfondire la propria connessione con il mondo naturale.

Costo: 550,00 (vitto e alloggio inclusi), presso l'Agriturismo l'Ocanda / http://www.agriturismolocanda.it

Orari: dalle 16.00 del 24 settembre alle 13.00 del 30 settembre 

Info e iscrizioni:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | cell: 388 1726565 

Scadenza iscrizioni: 15 settembre 2019 

Laboratorio residenziale di approfondimento del TeatroNatura

24 - 30 settembre 2019 - Agriturismo L'Ocanda - Centeno (VT) 

In questo laboratorio residenziale immerso in paesaggio da pittura senese del 400 e sul greto del fiume Paglia, insieme alla compagnia O Thiasos, si apprendono, si condividono e si approfondiscono, in un tempo di full immersion di una settimana, diverse pratiche, individuali e collettive messe a punto in quasi trent’anni di ricerca:

1) attraversamento attento del paesaggio, ascolto e meditazione attiva nella natura

2) movimento propriocettivo e danza spontanea nei diversi luoghi naturali 

3) esplorazione di se stessi attraverso la ricerca della propria voce naturale e apprendimento di canti polifonici della tradizione mediterranea, orientale e dell’Europa dell’est in contatto con le acustiche naturali presenti

4) arte della narrazione orale in natura: il mito antico e il corpo-memoria autobiografico, l’interpretazione incarnata e la drammaturgia del racconto in  funzione di una riconnessione con le nostre radici naturali e culturali.

5) elementi di scenografia archetipica e di “ritualità performativa” nello spazio naturale.

Queste 5 aree di lavoro, che nel TeatroNatura s’intrecciano continuamente, vengono  nel laboratorio approfondite attraverso guide  con competenze specifiche. Si tratta di riconoscere quei principi e quei processi che appartengono allo scorrere della vita e che, radicati in corpi vivi, si ritrovano nella qualità/continuità della presenza, nel flusso del movimento/danza, nell’onda sonora del canto, nello snodarsi del racconto e nelle “azioni neo-rituali” di una comunità in contatto con la natura circostante.